L’amica speciale

Approfondisci

Nell’autunno dell’anno scorso risposi all’annuncio di una ragazza che cercava una inquilina per l’appartamento vicino all’università, ero proprio in cerca di un alloggio mi ero trasferita da poco a Bologna e fu così che conobbi Serena la ragazza dell’annuncio.

La mattina che mi trasferì nel mio nuovo alloggio ad aprirmi la porta fu proprio lei Serena una ragazza abbastanza alta dal fisico tonico, dai cappelli castani dorati leggermente mossi, mi fu subito simpatica si presentò con un’aria spiritosa e gentile che non ci volle molto che diventammo amiche.

In quel periodo ero particolarmente stressata mi dividevo tra l’impegni universitari e i numerosi lavoretti che facevo, purtroppo in quel periodo i miei avevano qualche difficolta economica e io non ceravo di arrotondare il più possibile per non pesare su di loro.

Una sera tornai a casa da mio turno di lavoro al bar ero particolarmente stanca e arrabbiata, trovai Serena sul divano e iniziai a parlare con lei confessandole i problemi economici dei miei e di tutti i sacrifici che stavo facendo dicendole di sentirmi stanca oltre che stressata, lei ascoltava attentamente ciò che dicevo fin quando mi propose di diventare una camgirl prendendo spunto dal sito Camgirl Online. In quel momento tutti i miei dubbi su di lei si sciolsero, fini al quel momento mi chiedevo spesso come facesse a permettersi vestiti nuovi praticamente ogni giorno oltre a fare uno stile di vita abbastanza agiato nonostante non avesse nessun aiuto dai suoi genitori.

Mi chiese di seguirla nella sua stanza accettai anche se un po’ titubante Serena mi mostro tutta la sua “attrezzatura professionale” era un vasto assortimento di completini intimi molto sexy e anche un po’ spinti sul volgare, oltre a tutti gli oggetti con qui intratteneva i propri clienti, mi raccontò delle fantasie più strane che le chiesero dicendomi che un paio di giorni prima fu richiesta da una coppia di coniugi durante il loro rapporto sessuale.

Serena mi confido che una delle maggiori perversità degli uomini sono i piedi gli capitava spesso che in cam le chiedessero di mostrare i piedi immaginandoci giochi erotici.

Poco dopo mi chiese se volessi assistere ad una sessione di cam cosi per farmi l’idea e capire che la cosa potesse essere nelle mie corde acetai volentieri.

Cosi qualche sere dopo mi ritrovai seduta in camera sua mentre Serena era in intimo sul letto con difronte in pc accesso circondata da qualche vibratore e accessori vari, era perfettamente truccata con i cappelli fatti.

Si collego un uomo che era un cliente abituale di Serena tanto che lei quando lo vide rimase particolarmente felice, in seguito mi spiego che era una persona particolarmente generosa oltre ad essere molto carino non chiedeva tutto e subito ma amava fare le cose gradualmente e lentamente, cosi inizio a spogliarsi pian piano rimanendo con il seno scoperto le calze a reti e il perizoma, passo ancora un po’ di tempo fin quando non rimase completamente nuda io ero li ad osservare lei era particolarmente brava ci sapeva fare.

Più rimanevo a guardare e più iniziavo ad eccitarmi era strano come una situazione del genere mi incuriosiva sempre di più.

Ad un certo punto quell’uomo chiese a Serena di iniziare a masturbarsi al quel punto mi sentì eccitata al massimo tanto da desiderare di trovarmi di fronte a quel pc.

Ormai fuori controllo iniziai a toccarmi platealmente abbandonandomi al piacere che raggiunsi poco dopo, passò qualche minuto e anche la Cam di Serena si concluse si rivesti e mi invito a prendere un caffè in cucina, le confessai che la situazione mi intrigava molto oltre ad essere parecchio eccitante inizia a pensare serialmente di svolgerlo come lavoro lei mi rispose che se avrei voluto avrei potuto provare magri anche in coppia con lei sarebbe stata una cosa carina.